martedì 31 agosto 2010

Viaggio nel tempo, destinazione Ottocento

Siamo nel 2010, molti dei mei sogni di ragazzina si sono avverati:

1)parlare con qualsiasi persona in ogni parte del mondo in un secondo;
2)accesso a qualsiasi tipo di informazione;
3)trasmettere foto, lettere, sorrisi, in tempo reale.

Certo non avevo pensato alle controindicazioni:

1)Mancanza di contatti fisici;
2)Accesso a una marea di informazioni immondizia;
3)Vita virtuale che attenta quella reale.

In questo genere di riflessioni sono piombata stamattina dopo una telefonata allucinante:
"Kyra, lo sai sono un po' giù ho visto che conosci "tizio", ho bisogno di una storia di sesso, me lo fai conoscere? Sai se c'è qualcuna che l'ha collaudato?"

Nonostante la mia proverbiale prontezza, non sono riuscita a dire nulla.. Sono rimasta semplicemente smarrita, una sensazione strana, come appoggiare una bistecca sul tavolo, senza piatto, senza tovaglia, come un ritorno alla preistoria, ai sentimenti trogloditi.

Rispondo uno stentato :"eh ci devo pensare.." e riattacco.

Poi mi viene pensato a questo film "Persuasion" di Roger Michell (lo stesso regista di Notting hill,e di Ipotesi di reato)uno spettacolo di sentimenti, emozioni, sensazioni, un piccolo capolavoro di sguardi teatrali, riguardo questo riassunto su you tube,e penso: Per favore, per un giorno portatemi nell'ottocento!!

9 commenti:

Kylie ha detto...

In effetti siamo in grado di gestire on line un sacco di relazioni ma non siamo in grado di gestire dal vivo molti rapporti.
Il sesso così mordi e fuggi ancora mi lascia perplessa. Ma io appartengo ad una generazione antica.
Baci

kyra ha detto...

Abbiamo ridotto quasi tutto a un fast food.. Io sono un po' duplice da un lato l'ostentata "modernità" dall'altro la vena romantica, che non mi abbandona mai..e una passeggiata con il Capitano Wentworth l'avrei fatta volentieri ;)

Dual ha detto...

Anche io come Kylie appartengo ad una generazione antica che ancora crede nei rapporti umani e non solo virtuali.
Gio'

UIFPW08 ha detto...

Continuiamo a evolvere i nostri bisogni con la sviluppo della tecnologia per soddisfare la nostra richiesta culturale e non solo e ci ritroviamo a dialogare in stanze vuote prive di verde dove il giorno fa notte in un baleno a dispapito delle nostre tasce a favore del consumismo sfrenato.. ma è davvero cio che stavamo cercando...
il mio saluto
Maurizio

kyra ha detto...

@Dual credo che la generazione "antica" sia la più sana ;)

@Maurizio, credo che si sia perso il senso della misura. I mezzi virtuali dovrebbero essere un supporto e non un sostitutivo, la velocità non aiuta la poesia dei pensieri. E tu tra i blog sei stata una piacevole scoperta, complimenti per la tua sensibilità e per le parole di velluto che usi. un abbraccio

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Certo la rete ci fa conoscere tante persone;ma i rapporti dal vivo sono molti importanti.Oggi la nostra società ha difficolta a relazionarsi con il prossimo e molte volte si riesce a comunicare in rete,quello che non si riesce nella vita quotidiana.Ti auguro una serena notte,saluti a presto

kyra ha detto...

Cavaliere Oscuro, buona giornata anche a te

Carta ha detto...

"Una bistecca sul tavolo, senza piatto, senza tovaglia..." fantastica immagine, rende tutto!

Dalla preistoria a oggi poco è cambiato, vero. Solo che nel 2010 possiamo dire che quella bistecca, ogni tanto, è anche di uomo e non solo di donna... ;)

Bellissimo, blog!
Carta

kyra ha detto...

Grazie Carta!
Comincio ora ad accettare i complimenti, e mi fanno veramente piacere. Hai proprio ragione, ora abbiamo la parità del "consumismo erotico".
Faccio un salto da te, a presto!