martedì 24 settembre 2013

Suggestioni, emozioni, favole.



La vita è bellissima e ha fascino , voglio dire è un mistero di perfezione che puoi capire solo quando ti sfiora o si avvicina la morte, detto in questo modo sembra triste.. ma in realtà è solo un monito, la vita va vissuta pienamente "come se non ci fosse un domani" o quasi (citazione copiata da un tipo non male, lui si riferiva ad un'altra cosa ma...).

 Ed io ho sete di suggestioni, emozioni e favole, ed è una sete molto selettiva, non voglio favole in saldo, emozioni da pochi secondi, eh no... io voglio tutto e di più, sintonie, sguardo che ti spoglia il cuore.. e poi magari anche il resto.

Se è vero che nei primi secondi arriva il giudizio preventivo o come lo chiamo io il "pregiudizio" già il tipo con gli occhi dal colore indefinibile cominciava male, troppo ingenuo, troppo bimbo... troppo... eppure alle mie chiacchiere nervose, rispondeva con battute e silenzi calcolati, non troppo presente, non troppo assente, secondo me non gli piacevo.

A fine cena però cambiai leggermente idea, colpa di quello sguardo di intesa che mi lanciò l'oste mentre diceva: "spero siete stati bene ragazzi", una frazione di secondo.. mezzo sorriso, e le mie idee cambiarono, colpa della frase audace inaspettata al bancone del bar, che lui mi sussurrò.
  
 200 gradini per arrivare al mare...

tolgo insieme al tacco 12 diversi pregiudizi, correre insieme veloci, per arrivare, più si scende più il mare sembra scintillare sotto la luna piena, ogni tanto ci fermiamo per riprendere forse solo per guardarci e sorridere.

 Le mani che si cercano. Si cammina vicini, forse i corpi hanno intelligenza propria, nel camminare si strusciano come per un caso, come se non ci fosse abbastanza spazio, e si scende, sembra una metafora, si scende verso i desideri, si scende verso la notte rischiarata da quella luna che sembra spiarci, è una notte perfetta. Credo che l'abbiamo pensato in due.

Poi l'evitabile cercato, labbra che si incontrano... occhi negli occhi, il mare che sussurra cose indecenti, e noi le ascoltiamo.. a rovinare tutto basterebbe una parola ma restiamo in silenzio, come se non ci fosse un domani, a volte una notte può contenere una storia, una vita.. mani che sfiorano, desiderano... guardiamo in alto, dovremmo ritornare su alla realtà, 200 scalini, non sarà facile..


12 commenti:

Boh ha detto...

.... non è mia facile risalire le scale, ma..... bisogna farlo o non si avrà più il gusto di scenderle nuovamente di corsa :)

MikiMoz ha detto...

Io credo che concedersi a queste immersioni di fantasia o "altri mondi" sia bello e giusto, ma la realtà deve essere vissuta senza lasciarci niente! :)

Moz-

kyra ha detto...

@ Boh si va bene giochiamo con lo scivolo! :)

kyra ha detto...

@moz mica ho capito.. La realtà è come la fantasia? Oh....

Kylie ha detto...

Io condivido il pensiero che la vita va vissuta intensamente, come se fosse ogni giorno, l'ultimo.

Buona giornata!

kyra ha detto...

@Kylie buona giornata a te! vivere ogni giorno come fosse il penultimo, forse è più razionale ;)

endi ha detto...

ma il guardiano in alto era un guardone? :)

bell'atmosfera, mi piacciono i tuoi finali, ma specialmente il tacco 12.

kyra ha detto...

@endi s'è capito che non rileggo? Era "guardiamo" :D ora correggo

Samantha ha detto...

Mi piace..il penultimo giorno, la vita vissuta intensamente, le scale da salire e naturalmente il tacco 12!

kyra ha detto...

@sam.. Mia belliissima amica, scendere e arrivare nel profondo ;)

Mega super abbraccio

Patalice ha detto...

sete di suggestioni...
mica male!

kyra ha detto...

La suggestione porta a credere a qualcosa senza chiedersi se sia vera o falsa:
« La parola è un gran dominatore che, con un corpo piccolissimo e invisibilissimo, divinissime cose sa compiere; riesce infatti a calmare la paura, a eliminare il dolore e a suscitar la gioia e a ispirare la pietà… E che la persuasione, congiunta con la parola, riesca a dare all’anima l’impronta che vuole, ce lo insegnano soprattutto i discorsi degli astronomi, i quali, sostituendo ipotesi a ipotesi, distruggendone una, costruendone un’altra, fanno apparire agli occhi della fantasia l’incredibile e l’incomprensibile; in secondo luogo le gare oratorie, nelle quali un discorso scritto con arte, ma non ispirato a verità, suole dilettare e persuadere la folla; in terzo luogo le schermaglie filosofiche, nelle quali si rivela anche con che rapidità l’intelligenza facilita il mutare convinzioni della fantasia. C’è tra la potenza della parola e l’ufficio dell’anima lo stesso rapporto che tra l’ufficio dei farmaci e la natura del corpo.

Mi piace questa lunga spiegazione, le suggestioni sono un metodo eccezionale, una droga naturale che può colorarti il mondo :)

Ps. Grazie per il tuo arrivo