mercoledì 20 febbraio 2013

Sesso e dintorni ai tempi del virtuale


Sono una distratta concentrata, questa è una verità, penso, lavoro, sogno, schematizzo nello stesso momento, sono spesso modalità multitasking. A volte parlo e scrivo senza pensare, o pensando a tutt'altro, un'altra verità è che il genere umano mi incuriosisce, faccio amicizia, rispondo alle email, cercando di allontanare possibili stalker, e ho aperto l'account facebook per un libero cazzeggio, vicino ma non troppo alla mia vita reale, e devo dire che sono nate belle amicizie... però..

Arriva un messaggio da un tipo interessante, bel viso, occhi espressivi...

"Che fai? Chi sei?" ecct ecct. mi dice:"Ma tu una foto più sexy non ce l'hai?" Mi sembra una domanda banale e come tale, rispondo:
"credo che quelle pubblicate qui siano già troppo sexy, e poi parli tu? hai  tutte foto come un giornalista-mezzobusto, io non mando foto però se vuoi mandarmi le tue non ci sono problemi"

Si tratta di semplice conoscenza. Arriva un messaggio con allegato, apro la foto e cosa ti vedo?

una foto di come mamma l'ha fatto, dire hard sarebbe un complimento, è una foto di un uccello implume per giunta depresso... uno squallore unico. Ed io ripenso al messaggio.. uhm.. forse m'è sfuggito qualcosa. Arrivano altri messaggi a cui non rispondo, mi sembra il minimo, poi ne arriva uno :"mi hai sedotto e abbandonato" ecco a questo punto non dovrei rispondere, dovrei dare retta al mio amico che dice che non bisogna "rinforzare" e invece non resisto alla voglia di insultarlo..

"Carissimo xxx, non credo di averti mai chiesto foto di questo tipo, non credo di averti dato l'impressione di poterti aiutare a far volare quel coso. Spero che questa non sia la parte migliore di te, sappi che la cosa più intrigante che un uomo può avere per una donna, resta e resterà sempre il cervello, peccato che tu non ne sia sufficientemente dotato, con quel faccino potevi avere molte possibilità, viste le tue capacità seduttive ti consiglio di rivolgere le tue attenzioni on line a qualche sito tipo youporn, magari funziona".

Ora io mi chiedo e lo chiedo a voi, si può arrivare così rasoterra? è colpa del virtuale?

Voglio dire va bene, se siete in due a voler osare.. magari sono giochi eccitanti, se la distanza è tanta, il feeling incredibile e la voglia di scivolare in posti proibiti impossibile da arrestare.. Va bene giocare, vanno bene le eccezioni...

Ma cosa può esserci di meglio che vedersi, annusarsi, e piano piano scoprirsi, sorprendersi e meravigliarsi... volere di più e averne il timore.. per me questo è il "sesso" una cosa che parte dalla testa che trova una testa corrispondente... i pensieri si intrecciano e alla fine si scivola l'uno addosso all'altro.

Quello che è successo sarebbe paragonabile a questo dialogo fatto, incontrandosi realmente.

"ciao kyra"
"piacere xxxx"
"studi, lavori?"
"ah, ho capito...."

e detto questo, si tirasse giù i pantaloni. Che tristezza o che risate a secondo dell'umore. Questo non avrebbe possibilità neanche se fossi su di un'isola deserta.

Mi rendo conto che sono una donna moderna ma d'altri tempi, mi hanno sganciato qui, in questo secolo e in realtà nelle nascoste profondità della mia anima, forse sono ancora nell'800.

27 commenti:

Insight ha detto...

Mannò, quella che chiedi si chiama buona educazione, si chiama civiltà. Tutto qua.
Per fortuna la rete offre anche tanti fiori, per la gramigna bisogna adattarsi e strappare.
:-)

Miranda ha detto...

No, no, non siamo all'antica! E' questo che manca proprio del minimo sindacale di cervello. Cafone direi!
E le donne proprio non le conosce...ne avrà mai vista una? dubito...

però...se è quello della foto...

no, non lo è....nella foto mi sembra di vedere un rapace non un pulcino...
;-)

Kylie ha detto...

Che tristezza quell'uomo.

Baci e buona giornata!

Adespoto ha detto...

Secondo me è solo l'ennesimo esempio del leone dietro la chat, ne ho visti tanti, li vedevo nella mia sala lan, che facevano i galletti sia con le donne che con i maschi. Alla fine è gente abbastanza basilare, niente per cui rimanere scossi, o meravigliati. Tutti a loro modo lo fanno. Estremizzano quello che non sono di fronte a tutti.

Boh ha detto...

aahahahahah conosco, conosco di queste persone ahahahahahha.
Per il resto che dire... inizia ad esser tantino che saltello da una parte all'altra nel web e ne ho viste veramente di tutti i colori, ma di fondo è tutto fumo (del quale non ci faccio nulla)fin quando non ci si sente/vede/tocca/annusa/assaggia e ti assicuro che il tuo esmpio è valido tanto al femminile quanto al maschile.

kyra ha detto...

@insight oltre che buona educazione, oserei dire buon senso...

@Miranda mi hai colpito e affondato, direi che uno tipo Joe è la mia eccezione... ;)

@kylie non so se mi fa tristezza o pena

@adespoto gallo dici? A me è sembrato un pollo :D

@Boh le donne sono esibizioniste per natura, quante vedi, in bikini o con delle pose da "...." anche su foto pubbliche?! L'uomo in generale lo facevo più riservato.

Boh ha detto...

@kyra il web rende un po tutti troppo inibiti e poco riservati.....

Adespoto ha detto...

@kyra Non ho detto che lo fossero, ho detto che facevano. E' qua il punto.

kyra ha detto...

:)

Ygraine ha detto...

Brilliant, Kyra! Haha
Absolutely brilliant!!!

kyra ha detto...

@thanks Ygreine!

F. Lupis ha detto...

Il sesso è la fondamentale espressione dell'energia umana, sia essa latente o pienamente espressa. E' l'anelito principale alla vita e la più bella, più poetica attuazione della consapevolezza di noi stessi...

La conoscenza ed il cambiamento passano SOPRATTUTTO attraverso il corpo e la volgarizzazione del sesso, successiva ai secoli e secoli di becera repressione e demonizzazione dello stesso, ha lentamente travisato la manifestazione di questa necessità giusta, corretta e soprattutto FECONDA ( in tutti i sensi, mi verrebbe da dire ;) ) fino a farcela percepire come un qualocosa di irrimediabilmente sporco o debilitante, sicuramente inferiore a quella retorica dei bei sentimenti di cui tutti, TUTTI si riempiono ogni giorno la bocca.

IDIOZIE! Idiozie belle e buone! Perché è proprio da questa repressione deleteria che derivano tutti i nostri peggiori problemI; proprio da questa che nascono i maniaci, prodotti di una libertà sessuale che si è lentamente trasformata in bisogno narcisistico e compulsivo di scopare,scopare,scopare e scopare ancora ( pessimo termine...orribile, considerandone l'etimo) o, in taluni casi, di esibire le proprie gioie.

Vabbé, immagino che il mio punto di vista sia ben evidente.
Fortuna che son maschio e 'ste cose a me non capitano ;)

Un abbraccio!!!
Fabio.

F. Lupis ha detto...

Poi beh c'è anche il discorso che dietro ad uno schermo siam tutti bravi. Ma era troppo democratico XD

Samantha ha detto...

Che poi diciamoci la verità..anche qualora fossimo in sintonia,ci spingessimo oltre,ci si elettrizzasse a vicenda ma:
cosa cavolo ne facciamo di un uccello con le ali in foto?!! Non l'hanno ancora capito che ci eccita di più una parola detta in un cero modo che vedere IL volatile in foto?!! ; )

F. Lupis ha detto...

Noi 'omini siam teste di minchia. Prima di capire che qualche altra entità vivente la pensa diversamente da noi abbiamo bisogno di qualche secolo di tirocinio...

kyra ha detto...

@Sam era senza piume e sulla via del suicidio, non avrebbe mai volato! :D

@Lupis attenta analisi, ma lasciami dissentire per quanto riguarda l'etimo. La parola "scopare" dal latino "scopa" o "scopae" che realtà si riferisce a "giovani rami" in effetti le scope antiche erano di saggina o di rametti di legno. L'albero è simbolicamente la figura più diffusa in tutte le tradizioni religiose/esoteriche.

L'albero é presente sui 3 Livelli (Cielo, Terra, Inferni) collegando con le sue radici la morte, la vita terrena con il tronco e la vita futura (spirituale) con le foglie.

Quindi "scopare" è una bella parola, e noi che siamo ipo-cretini.

p.s. Fabio figliolo non fare mai cose che mamma disapproverebbe ;)


F. Lupis ha detto...

Sicura? O.O perché io sapevo che "scopare" in senso sessuale deriva dall'accezione negativa del termine che tu citi, ovvero frustare o fustigare. In effetti, nel Medioevo meretrici e sodomiti erano sovente pestati con rudimentali strumenti fatti rami di erica o arbusti, da cui il riconducimento a "scopoe"...

Ma poi magari mi sbaglio u.u Il fatto è che buona parte dei termini utilizzati in epoca moderna per riferirsi al sesso sono di natura davvero deprimente, spesso legati ad una concezione violenta e macabra del coito...anche "fare sesso" è bruttissimo secondo me, perché non credo che nell'atto si faccia propriamente qualcosa, piuttosto si è...

Ma questi sono miei deliri. E tranquilla...faccio solo cose piacevoli per tutti u.u

kyra ha detto...

@Lupis, si possono vedere accezioni ed eccezioni negative in tutto, a me piace vedere le cose in positivo, insomma "siamo immersi nel fango, ma alziamo gli occhi al cielo per scorgere le stelle"

p.s. so' poetica noooo? :D

Zio Scriba ha detto...

Diciamo che il libero amore è una cosa meravigliosa, ma è fatto per individui intelligenti, e soprattutto dotati di sensibilità e gentilezza. Il tizio della foto che hai messo là in alto, l'autostoppista fukkista automatico, più che un figlio dei fiori sembra un truce stupratore seriale, mentre non so darti giudizi su quelli che si aggirano per Fessobukko e simili, poiché me ne tengo alla larga...
La tristezza è che per la stragrande maggioranza dei maschi è normalissimo inviare la foto dell'uccello: è quella che li rappresenta, che metterebbero anche sulla carta d'identità!
Vaglielo a spiegare che contano di più gli occhi. E il cervello. :)

kyra ha detto...

@Zio hai ragione, il tipo della foto è Joe Manganiello, mi ricorda la serie true blood dove interpreta un lupo mannaro, che con il solo olfatto riesce a percepire le persone a distanza, un animale è istintivo non fà ragionamenti.

La vera domanda che mi gira per la testa è: Istintivamente, non capisci a chi devi indirizzare certe foto? l'istinto non ti fa percepire se dall'altra parte c'è un desiderio simile? Però tu mi dici che molti uomini metterebbero la foto del loro amico sulla carta di identità... Che dire???!! Mistero risolto! :D

Zio Scriba ha detto...

Questo vale soprattutto per il macho italiota. Che non solo è quasi sempre uno stronzo omofobo. Ma arriva a dare del "frocio" persino all'etero che osi affermare di guardare, in una donna, GLI OCCHI e il viso in generale anziché il culetto o le poppe... O gli danno del frocio (dando per scontato, nel loro cervelletto extrasmall, che si tratti di un'offesa) o addirittura NON GLI CREDONO...

Paolo.81 ha detto...

Lo sapevo che mandare a sconosciute le foto di me in giacca e cravatta non era abbastanza...!!

kyra ha detto...

ahahaha Paolo! ti prego trattieniti che vai bene così!

Anonimo ha detto...

probabilmente non la conosci ma per i maniaci molestatori c'è questa pagina:

https://www.facebook.com/ioimdm

kyra ha detto...

non è necessario iscriversi a pagine, per contrastare il fenomeno, e poi io non l'ho considerato un molestatore, ma un semplice esibizionista "fuori tempo"

Francesca ha detto...

Oh my god..che tristezza! Cioè, ma non ci siamo eh. Comunque, confermo che nell'epoca del virtuale molte cose sono cambiate, soprattutto per quanto concerne la seduzione, e molti cervelli sono andati in pappa. E questo è ancora più triste.
Soprattutto Facebook, lo trovo deleterio. Io ero un'assidua facebook-atrice. Sempre connessa, sempre a postare, a commentare. Poi mi sono guardata nel profondo e mi sono chiesta "Ma sono davvero così io? Mi piace davvero comunicare in questo modo così finto e distaccato, con persone a volte perfino sconosciute?!". Certo che no. E quindi, mi sono cancellata l'account e ora 'vivo' che è una meraviglia! ;)

kyra ha detto...

@grazie Francesca per essere diventata seguace del blog. Io sono in completa "meraviglia" per tutte le possibilità che internet ha aperto, ma resto radicata alle comunicazioni tradizionali, è interessante il tuo punto di vista quando dici "comunicare distaccato", io forse comunico così nel lavoro, per il resto anche dietro a un nick sono io-reale con tutte le contraddizioni, perchè il problema con facebook e come per tante altre cose è ricordarsi che "è la solo la dose che fa il veleno". un abbraccio