sabato 6 dicembre 2008

Alice nel paese delle meraviglie... chiamato "FACEBOOK"



Cerco su google, il nome di un mio amico smarrito nei meandri del tempo. Escono diversi risultati, tra questi vedo: Charlie Stevenson, su facebook, clicco, non sono certa che sia lui, mi iscrivo al sito, e posso direttamente mandargli un messaggio. Semplice. Alla mia domanda: sei tu che con pazienza infinita, mi insegnavi l'inglese guardando i cartoni animati tipo "alice nel paese delle meraviglie", "cenerentola"?

La risposta, arriva dopo pochi minuti: "yes".... ecct ecct. Sono sbalordita, una persona che avevo perso da tanto tempo, ritrovarla in modo così semplice.
A questo punto, mi faccio prendere, metto nomi dei miei amici, ne invito altri. Alcuni li trovo, altri li ritrovo. Bello, facile, corretto.

Fino a che aggiungo un giornalista e un show man, che conosco personalmente, il primo è stimolante, ogni volta che scambiamo opinioni finiamo per superare Schopenhauer nel "arte d'insultare", un suo "stronza" è una soddisfazione, un mio "ma vai a...." è segno di sconfitta dialettica, il secondo è un mio ex collega lo dicevo io che sarebbe diventato un "famoso" si, me lo sono detta il giorno del meeting,con una mia collega giravamo tra i tavoli del buffet, cercando di individuare, un soggetto "guardabile","sognabile", dopo un po' di giri a vuoto, con la collega sconsolata: eccolo! completamente diverso da tutti quelli vestiti da pinguini, eppure così ugualmente elegante, sorridente, disponibile per quattro chiacchiere e due risate.

Scrivo una breve email a questi due, e aspetto risposta, non li aggiungo subito agli amici perchè odio, questo modo di aggiungere selvaggio, quello che ti fa pensare:"ma a te chi cavolo ti conosce?"
Il giorno dopo, i due mi hanno aggiunto tra i loro amici e scritto una mail, simpatici... ok, accetto la loro amicizia. Sembra tutto semplice.. Quando ore più tardi riapro facebook, trovo una bella sorpresa, circa 45 richieste di amicizia..uhmm che si sono dati tutti appuntamento per ritrovarmi? comincio a guardare i nomi, non conosco nessuno, possibile che non mi ricordi di nessuno? poi guardo gli amici in comune ...ed ecco spuntano i nomi dei due famosi... Assurdo!!

Ci sono diverse email, che mi chiedono, cose da matti.. tipo non è che avresti il suo numero? Dimmi ma hai avuto una storia con lui? Ma potresti farmelo conoscere? Magari se tu gli dici che sei mia amica...

Sono sconcertata, mi stupisco, faccio un rapido riassunto nella mia mente, mi sono dimenticata che questa è l'epoca dei "reality show", dove la fame di fama è diventata un'ossesione. Ecco me ne ero dimenticata... penso alla mia ingenuità, sorrido,pensando che essere ingenui vuol dire anche essere sinceri, schietti, semplici. Sorrido dicendomi: Benvenuta Alice nel paese delle meraviglie di Facebook!

10 commenti:

Samantha ha detto...

Ciao Carissima! Anche io proprio in questi giorni ho utilizzato facebook per la prima volta..ma non son riuscita a trovare nè alcune vecchie compagne di scuola che nel tempo hanno cambiato città, nè gli amici conosciuti al mare in un estate di qualche secolo fà!!che peccato sigh..(soprattutto per gli amici del mare : )
Incredibile davvero quello che può accadere in questo mondo virtuale.Io mi stupisco ogni giorno..quello che a molti può risultare banale:viaggiare,visitare il "mondo",conoscere persone,acquisire notizie,ascoltare musica,telefonare,vedere film e tutto in un solo, magico CLIC..!La stessa meraviglia che prova Alice.. la stessa che ha sorpreso te! ed anche per questo motivo provo ancora più simpatia per Kyra!
baci Samantha.

Miranda ha detto...

Samantha ha coinvolto anche me con facebook, ma io ancora non ho capito come funziona. Comunque cara Kyra, non ti chiederò di presentarmi i tuoi amici famosi...ma se per caso t'avanza un vecchio amico, trentenne, bello, simpatico, interessante e disponibile...beh...allora...
(non smetto mai di stupirmi di quanto poco pudore abbia la gente a volte nel fare certe richieste...)

Wilma ha detto...

Stamani ho letto un articolo molto ironico, ma intelligente,rispetto a quanto sono cambiate, nel giro di poco, le nostre abitudini. Costruiva un modello grottesco di azioni che compiamo il giorno dopo un incontro d'amore soddisfacente: guardiamo almeno mille volte il cell. alla ricerca di sms, se siamo a letto e ci prende la smania dobbiamo alzarci e riaccenderlo per vedere "se caso mai mentre l'avevo spento...", clicchiamo su "invia/ricevi" della posta elettronica in maniera compulsiva alla ricerca di mail, controlliamo il nostro,il suo blog, per vedere se ha lasciato tracce sull'incontro,lasciamo skype sempre acceso e, ogni volta che vibra "qualsiasi cosa nel mondo" ci catapultiamo per vedere "se è lui che si è connesso"...per poi riscontrare, deluse, che su facebook si è messo in "impegnato" e, dal nostro incontro, ha aggiunto alla lista degli amici due nuove "topolone"!!!!

kyra ha detto...

Carissime è sempre un piacere avervi qui.
Samantha, prima o poi gli amici li troverai su facebook, quelli del mare sono poi importanti. Il click è una magia, la stessa che provavo mentre imbucavo una lettera,sentendo il piccolo rumore di quando toccava il fondo, impossibile tornare indietro..

Miranda, a te darei volentieri i contatti dei miei amici "fattibili", sei una mia amica, virtuale ma sempre amica... ;-)

Wilma, hai proprio ragione, facciamo tutte queste cose, poi scopri magari su face che gli amici non accettano la tua amicizia (avranno qualcosa da nascondere oppure non hai capito un azz?!)e al contrario gente che non conosci o conosci pochissimo ti adora.... uhm mi sorge un dubbio che di ingenuo a veramente ben poco, credo che sia semplicemte paura di rapporti veri, in questo mondo virtuale avvicini gli sconosciuti e allontani chi puo' veramente toccarti l'anima, insomma vogliamoci bene si, ma per finta.

minu ha detto...

dio come mi ci ritrovo nei vostri commenti... anche io ho scoperto facebook, da poco. veramente non volevo neanche iscrivermi ma ho fatto un favore, diciamo così, ad un'amica convinta che il fidanzato lo tradisse. Così mi ha iscritta lei stessa, ha creato la pass e lo abbiamo adescato. E' bastato un "mi intriga il tuo nome" per farlo cascare come una pera cotta.. risposta "che ne diresti di un incontro, muoio dalla voglia di conoscerti!" che polli questi uomini, altra storia finita ed io complice. E non è un vanto, credetemi

kyra ha detto...

non c'è nulla da fare di solito le donne sono più maliziose e non si farebbero mai beccare così da "pollo"..benvenuta minu!! :)

Miranda ha detto...

MINUUUUU....mamma mia che storia...magari le era pure stato fedele fino a quel momento...certo però che aspettava proprio solo l'occasione giusta...son tutti così disponibili gli uomini? Ma allora perchè aspettare Babbo Natale che magari con tutto il da fare che ha neanche passa? Quasi quasi prendo un bel tipo da facebook e ci provo: "mi intriga il tuo nome..." (Giovanni Ferrari, Mario Rossi, ....bo...)
VADOOOOOOO

kyra ha detto...

ho un paio di tipi giusti per fare, un'approccio sistematico.. se volete vedere come cadono... Miranda fatti viva...che ti dono un paio di nomi e cognomi... un regalino di natale...;-)

Baci

Miranda ha detto...

EVVIVA!!! Kyra ma allora sei tu Babbo Natale...

kyra ha detto...

yes,Miranda.... Yes! I can ;-))